Don Lino di Dio nuovo esorcista della Diocesi

Il 14 settembre 2015, festa dell’Esaltazione della Croce, Mons. Rosario Gisana ha nominato per il ministero di esorcista, don Pasqualino di Dio, unico referente per la Diocesi di Piazza Armerina in questo ministero.
Don Lino, dal 2010, è stato ausiliare di vari esorcisti e segretario dell’Equipe diocesana per la Liberazione costituita da Mons. Pennisi; ha frequentato il corso dell’Istituto “Regina Apostolorum” di Roma e i convegni annuali dell’Associazione Internazionale Esorcisti (recentemente riconosciuta dal Vaticano) di cui fa parte.
In questo delicato ministero, Don Lino sarà coadiuvato da un’equipe di preghiera e di esperti in medicina e psichiatria, così come previsto al n. 17 dei praenotanda del Rito degli esorcismi. L’opera collegiale dell’equipe è l’estrema garanzia che siano rispettati i parametri di intervento, la valutazione della giusta analisi delle cose e dei fenomeni che si presentano di volta in volta.

L’opera del male e la forza sacramentale dell’Esorcismo

Nell’era del progresso scientifico, tecnologico e culturale, si verifica un fenomeno curioso: il ritorno della magia e alla superstizione. In questo tempo di profonda crisi dei valori e dell’economia, esoterismo e occultismo sembrano trovare energie nuove e terreno fertile nella credulità di milioni di persone, soprattutto attraverso i mezzi di comunicazione. Basta accendere la televisione o collegarsi ad internet o sfogliare alcune riviste per vedersi apparire maghi e cartomanti con poteri occulti o medianici che offrono amuleti o interpretano i tarocchi, può capitare di imbattersi dinnanzi a simulatori che si propongono come vaticinatori di bene o inibitori di presagi nefasti.
Dietro tutto questo vi è l’opera demoniaca.
Nelle Sacre Scritture il diavolo e i demoni sono indicati con nomi diversi, dei quali alcuni indicano in certo modo la loro natura e il loro operato. Il diavolo, detto anche satana, è chiamato serpente antico e drago. È lui che seduce il mondo intero e combatte contro coloro che osservano i comandamenti di Dio e possiedono la testimonianza di Gesù (Ap 12, 9. 17). È detto nemico degli uomini (1 Pt 5, 8) e omicida fin dal principio (cf Gv 8, 44) per aver reso l’uomo, con il peccato, soggetto alla morte. Per il fatto che con le sue insidie induce l’uomo a disobbedire a Dio, è detto maligno e tentatore (cf Mt 4, 3 e 26, 36-44), menzognero e padre della menzogna (cf Gv 8, 44), colui che agisce con astuzia e falsità, come attestano la seduzione dei progenitori (cf Gen 3, 4. 13), il tentativo di distogliere Gesù dalla missione ricevuta dal Padre (cf Mt 4, 1-11; Mc 1, 13; Lc 4, 1-13) e il suo mascherarsi da angelo di luce (cf 2 Cor 11, 14). È detto anche principe di questo mondo (cf Gv 12, 31; 14, 30), cioè signore di quel mondo che è in potere del maligno (cf 1 Gv 5, 19) e non ha conosciuto la luce vera (cf Gv 1, 9-10). Il suo potere è indicato come potere delle tenebre (cf Lc 22, 53; Col 1, 13) per l’odio che egli porta alla Luce, che è Cristo, e per lo sforzo di attrarre gli uomini alle proprie tenebre. Ma il diavolo e i demoni, coalizzatisi insieme per opporsi alla sovranità di Dio (cf Gd 6), hanno ricevuto una condanna (cf 2 Pt2, 4) e costituiscono l’esercito degli spiriti del male (cf Ef 6, 12). Benché creati come esseri spirituali, essi hanno peccato e sono anche definiti angeli di satana (cf Mt 25, 41; 2 Cor 12, 7; Ap 12, 7. 9). Ciò può insinuare che dal loro maligno signore sia stata ad essi affidata una qualche particolare missione che trova adesione in varie persone che si mettono a loro servizio per seminare zizzania e ostacolare l’avanzare del regno di Dio.
Secondo il rapporto annuale 2013/14 sulla magia e l’occultismo, realizzato dal Comitato italiano di volontariato in difesa delle vittime di ciarlatani e santoni e contro gli abusi nelle telecomunicazioni e nei confronti di minori fondato dal prof. Giovanni Panunzio, in Sicilia opererebbero circa 2000 maghi che sfruttano la sensibilità e la debolezza della gente e spillano centinaia di euro per ogni seduta.
In Italia, la Sicilia è la terza regione per numero di “clienti” che si rivolgono agli operatori dell’occulto. Nella provincia di Enna ci sarebbero circa 40 maghi e/o operatori dell’occulto e nella provincia di Caltanissetta circa 60. Gli italiani che frequentano ogni anno maghi/astrologi sono 150 mila. Sono mossi da diverse motivazioni: affetti (52%), protezione (5%), salute (13%), lavoro (24%). Coloro che frequentano maghi e astrologi distinti per sesso sono: donne 51%; uomini 38%; minori/adolescenti 11%. Il giro di denaro: per i maghi e gli astrologi si aggira a 75 milioni di euro, con evasione fiscale del 98%.
Sono dati preoccupanti. Di fronte ad essi la Chiesa deve interrogarsi seriamente circa l’interesse o la curiosità di tante persone, anche giovani e adolescenti, attorno al mondo tenebroso della magia, della superstizione, dell’occultismo, e sulla nascita di gruppi e pratiche esoteriche e sataniche.
In questo processo degradante non è assente l’azione ispiratrice del demonio che pur di sottrarre l’uomo dalla ricerca di Dio lo orienta verso il baratro del falso conducendolo nell’abisso della paura. «La vigilanza deve essere esercitata soprattutto nei confronti dell’azione ordinaria di Satana, con la quale egli continua a tentare gli uomini al male. Proprio la tentazione è il pericolo più grave e dannoso in quanto si oppone direttamente al disegno salvifico di Dio e all’edificazione del Regno. Satana riesce a impadronirsi davvero dell’ uomo in ciò che ha di più intimo e prezioso quando questi, con atto libero e personale, si mette in suo potere con il peccato. Per questo il credente vigila per non essere ingannato e prega ogni giorno con le parole suggerite da Gesù: “Padre, non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal Male” (Mt 6, 13). Invece i fenomeni diabolici straordinari della possessione (dominio del maligno sul corpo e sulla psiche umana), dell’ossessione (quando il maligno influisce sulla psiche umana particolarmente con pensieri immotivati di odio o morte), della vessazione e dell’infestazione (che riguarda ambienti, abitazioni, animali) sono possibili, ma di fatto, a parere degli esperti, sono rari. Provocano certo grandi sofferenze, ma di per sé non allontanano da Dio e non hanno la gravità del peccato. Sarebbe quindi da stolti prestare tanta attenzione all’ eventuale presenza del Maligno in alcuni fenomeni insoliti e non preoccuparsi affatto della realtà quotidiana della tentazione e del peccato, in cui Satana, “omicida fin dal principio” e “padre della menzogna” (Gv 8, 44), è sicuramente all’opera». (Praenotanda n. 7 del Rito degli esorcismi)
Questi casi possono avvenire per varie motivazioni: per permissione divina (ad es. Dio ha permesso che alcuni santi fossero vessati per una maggiore purificazione), per frequentazioni di luoghi o persone malefiche, a causa di un maleficio, a causa dell’indurimento nei peccati.
Il rimedio è vivere «la genuina vita cristiana che è abbandono fiducioso all’amore paterno e provvidente di Dio (cf. Lc 12, 22-31), obbedienza alla sua volontà (cf. Mt 6, 10). Questa si fonda sul Battesimo, si alimenta con la lettura assidua della Parola di Dio e con la frequente partecipazione all’Eucaristia; si restaura con il sacramento della Riconciliazione; riceve ulteriore sostegno e specificazione dagli altri sacramenti senza dimenticare infine i sacramentali, riti di benedizione istituiti dalla Chiesa per lodare Dio e invocare la sua protezione nelle diverse situazioni della vita». (Praenotanda n. 9 del Rito degli esorcismi)
«Fin dai tempi antichi la Chiesa, fedele alla preghiera del Signore, ha previsto, tra i sacramentali, alcuni riti con i quali chiedere a Dio che i fedeli fossero liberati da ogni pericolo e specialmente dalle insidie del diavolo.Inoltre nella Chiesa sono stati costituiti gli esorcisti perché, imitando la carità di Cristo, liberassero i fedeli posseduti dal maligno e intimassero a nome di Dio ai demoni di stare lontani e non nuocere alle creature umane».(Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Decreto del Rito degli esorcismi).
Da quanto fin qui esposto, nasce il delicato ministero di consolazione e liberazione proprio dell’esorcista.
L’esorcista, sacerdote che opera esclusivamente per diretto incarico dal Vescovo, deve usare massima cautela e prudenza perché, in alcuni sofferenti che si presentano a lui, possono riscontrarsi casi di malattia, soprattutto di natura psichica o frutto di immaginazione. Può anche avvenire che il maligno faccia credere al tormentato che lui non ha bisogno dell’esorcismo e che il suo malessere è solo un fatto naturale, curabile con la medicina. L’esorcista deve distinguere bene i casi di aggressione diabolica, da quelli derivanti da una certa credulità, che spinge i fedeli, a ritenersi destinatari di malefici, sortilegi o maledizioni fatte ricadere da altri su di loro o sui loro parenti o sui loro beni. L’esorcista deve richiamare, con sapienza e prudenza, i fedeli a non ricercare il sensazionale e a evitare la stolta credulità che vede interventi diabolici in ogni anomalia e difficoltà.
L’esorcista, ricordando che il demonio non può essere cacciato se non per mezzo della preghiera, del digiuno e della carità, sull’esempio dei santi Padri, presiede questo sacramentale in un clima di fede e di preghiera, umile e fiduciosa, sì da evitare ogni impressione di efficacia automatica o dipendenza dal carisma del sacerdote o dalla “potenza” degli oggetti sacri o degli elementi sacramentali. Questi, a volte, vengono prescritti con l’obbligo di essere assunti o adoperati con gli stessi protocolli farmaceutici o, peggio ancora, utilizzati in forma magica o superstiziosa. In vero però, la liberazione dall’influsso diabolico avviene se e quando Dio vuole. Solo l’esorcista nominato dal Vescovo può esercitare questo ministero, sebbene possono esserci sacerdoti che con la loro preghiera invocano la guarigione e liberazione attenendosi alle direttive del documento della Congregazione per la Dottrina della fede “Istruzione circa le preghiere per ottenere da Dio la guarigione.”

19 Responses to Don Lino di Dio nuovo esorcista della Diocesi

  1. clauDIO ha detto:

    caro padre ci e mancato padre Gabriele Amorth: e hora lei e il sudecessore ho un amico che ha la sla e ha famiglia con due figlie era un ragazzo con un cuore d’oro e lavorava alla casa di gelsi ha treviso per i malati terminali si e’ amallato ora e diventato molto cattivo ultimamente con la sua famiglia e quel poco che riesce ha parlare insulta.besteme vuole fare sesso,ecc..non era mai stato cosi non si muove più da 2 anni ha bisogno di un esorcista si chiama mauro Benetton da treviso abita in un paese che si chiama ponzano aiutatelo per amor di DIO AMEN

  2. claudio ha detto:

    gli ho scritto asociazione padre Gabriele Amorth l’unica e di pregare l’abbiamo fatto, e pure loro, ma niente miglioramenti, ora e peggio ha preso il sopravento un demone e pure diventato cattivo non era mai stato cosi aveva amore per tutti gli amalati dove lavora e hora dio solo sa….aiutaci..grazie

  3. claudio ha detto:

    ho bisogno di aiuto padre non resta molto tempo un caro amico di famiglia si e devastato con una malatia tremenda chiamata s.l.a ho proffondito gli studi di Gabriele Amorth per la sua impresa di guarigione contro la sla lui si chiama mauro benetton con famiglia e figli ha 50 anni e mobilizato ha letto di casa con il respiratore si trova a pozano veneto treviso…sapiamo in trembi che qui ci vuole un esorcismo e almeno 3-4 persone di pura fede aspetto sua riposta urgente questa malattia si e svilupata talmente agressiva in un margine di 1 anno che di solito per questi livelli vorebbe 5 anni per arrivare lo stato di adesso mi faccia sapere al piu presto per l’amor di dio cosa fare……..lui lavorarava a quel tempo per i malati terminali alla casa di gelsi per me un demonio si e posessato della sua anima visto che aveva lasciato l’altro corpo per imposesarsi del suo…………non ci sono altre spiegazioni…. grazie

  4. carmelo ivan rizzi ha detto:

    Buon giorno padre vorrei conoscerla di presenza per parlare e pregare con lei buona domenica da Carmelo Ivan rizzi da Caltanissetta sicilia

  5. Silvia ha detto:

    Padre abbiamo assolutamente bisogno del suo intervento, mi rivolsi anni indietro in 2 occasioni a Padre Amorth e mi ha tanto aiutato, posso dire che in una delle 2 occasioni mi ha veramente salvato la vita, siamo vittime io e mio figlio di una sua ex ragazza che tramite una fattucchiera di napoli sua intima amica ci ha fatto qualcosa, mio figlio deperisce pur nutrendosi ha perso 16 kg in 2 mesi, io non riesco a camminare mi viene l’affanno, noi viviamo ad Anzio in provincia di Roma, la prego ci aiuti.
    Silvia

  6. Daniela ha detto:

    Salve mi chiamo Daniela sono proprietaria di Un locale sito in provincia di Caltanissetta ossia serradifalco ho avuto molte contraddizioni in campo lavorativo poiché nel 2000 sono entrate persone negative nel.locale impossessandosi di cose mai avute indietro come sgabelli e sedie dal quel momento il locale ha avuto un forte calo economico e nel 2015 ho perso mio padre con una disgrazia lasciando la famiglia in distruzione… la prego di aiutarmi …. vorrei il contatto per un appuntamento

  7. ANNA VANNI ha detto:

    E’ difficile accettare le sofferenze le più dolorose sono quelle morali che fisiche le ferite non si rimarginano mai più persone cattive con cuori di pietra ricolmi di egoismo e di invidie.
    Una preghiera grazie
    ANAN

  8. Buongiorno,avremmo piacere di conoscerla e necessità importanti, siamo due persone Consacrate. Potrebbe cortesemente contattarci al numero indicato nel sito ? Profondamente grazie.

  9. Monica ha detto:

    Buongiorno don Lino mi chiamo Monica e ho bisogno del suo aiuto,secondo me nella mia vita c’è qualcosa che non va e avrei bisogno di avere accanto un prete che mi dia una mano avrei bisogno di parlare con persone come lui ,sto provando di tutto per avere un figlio ma quando si avvicina il periodo c’è sempre qualcosa che non va,per esempio oggi stavo andando a messa a Padova ma non so come non so perché non ci sono arrivata secondo lei perché mi succedono queste brutte cose forse non sono degna di Dio.Al lavoro i miei colleghi si prendono sempre gioco di me,ho forse sono io che non amo Gesù

  10. Luca ha detto:

    Salve don Dino…le scrivo per dirle che alla mia famiglia si stanno verificando delle cose negative una dietro l’altra..tra malattie..situazioni affettive compromesse e situazioni lavorative negative…vorrei avere un incontro con lei..mi dica quando possibile grazie.

    Siamo siciliani della provincia di Agrigento..
    Sicuro di un Suo riscontro, la saluto cordialmente

  11. Angela ha detto:

    Ho bisogno di parlare privatamente con un esorcista abito a Napoli chiedo aiuto grazie

  12. Teresa ha detto:

    Buongiorno scusatemi io non ho Facebook sono una donna molto giovane e molto in sofferenza vorrei sapere se posso scrivere una lettera a don lino di Dio, confido e spero in voi, se qualcuno può aiutarmi sono molto sofferente e da denni che vivo in una sofferenza che mi sta consumando su TV 2000 recito la coroncina della divina misericordia quando riesco proprio xche ne ho molto bisogno come tantissime persone che soffrono x tante problematiche sia di salute che di lacerazioni di enorme cattiveria gratuita

  13. Franca ha detto:

    Giorno , devo parlare urgentemente con un prete di occupa di esorcismo

  14. diocesipiazza ha detto:

    Può rivolgersi a don Pasqualino di Dio, email: pasqualino.didio@virgilio.it

  15. Antonio ha detto:

    Ho bisogno di un prete che mi faccia una preghiera di liberazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: