Seminario di formazione per giornalisti, operatori della comunicazione e animatori ecclesiali

 Seminario di formazione “Il dovere della verità nell’informazione”. Ad Aidone il 20 maggio presso il museo arecheologico.

 

 

 

 

Il video della mattina

Il video del pomeriggio

Il dovere della verità nell’informazionealla luce del nuovo Testo Unico deontologico e del Messaggio di Papa Francesco per la 51a Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali è il tema del Seminario di formazione per giornalisti e operatori della Comunicazione che si tiene ad Aidone, nella ex Chiesa S. Francesco, (sede del museo archeologico) sabato 20 maggio. Il Seminario, che si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per il bicentenario dell’istituzione della diocesi di Piazza Armerina (3 luglio 1817 – 3 luglio 2017), intende focalizzare le ricadute nella professione giornalistica della frase contenuta nello stesso messaggio: “Amare la verità, vivere con professionalità, rispettare la dignità umana”.
È organizzato dalla diocesi di Piazza Armerina, dall’ordine dei giornalisti di Sicilia e dal Settimanale diocesano “Settegiorni dagli Erei al Golfo”.
La giornata avrà inizio alle ore 10 con i saluti del vescovo di Piazza Armerina mons. Rosario Gisana del sindaco di Aidone Vincenzo Lacchiana. Seguiranno quindi le relazioni di don Pasquale Buscemi già Docente di Teologia Morale presso la Facoltà Teologica di Sicilia, Studio San Paolo di Catania su “Il dovere della verità, risvolti etici e morali”; di Teresa Di Fresco Vice Presidente Consiglio Regionale Ordine dei Giornalisti di Sicilia su “Il nuovo Testo Unico Deontologico”; di Domenico Ciancio Condirettore La Sicilia  su “Professionalità nell’informazione”.
Alle 13 il pranzo a buffet nel chiostro dell’ex convento e la visita guidata del Museo archeologico.
Alle ore 16 la ripresa dei lavori con le relazioni di don Antonio Rizzolo, direttore Famiglia Cristiana su “La missione di Famiglia Cristiana nel costruire le possibilità che rendono la convivenza sociale più sana e vivibile; di don Adriano Bianchi, Presidente Nazionale FISC su “Informazione e speranza. Il messaggio di Papa Francesco per la 51° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali”. Il Seminario sarà moderato da don Giuseppe Rabita, Direttore del Settimanale “Settegiorni”.
Ai giornalisti partecipanti saranno rilasciati 7 crediti formativi deontologici.

La Consegna del Premio giornalistico nazionale, patrocinato dalla “Fondazione Prospero Intorcetta. Cultura Aperta” di Piazza Armerina, sul tema “I giovani raccontano la solidarietà”, viene rinviato in una data che sarà comunicata successivamente.

2 Responses to Seminario di formazione per giornalisti, operatori della comunicazione e animatori ecclesiali

  1. Mario Muscara' ha detto:

    La formazione continua e’ necessaria e utile perché da il continuo aggiornamento e confronto a tutti partecipanti ai vari incontri. L’introduzione della formazione continua nell’esercizio delle libere professioni ha portato ai professionisti un ventata di qualità e di miglioramento . La formazione continua e’ un valore aggiunto al bagaglio culturale del professionista e credo che ogni incontro e’ conoscenza in senso lato non solo culturalmente ma anche personalmente. Il rapporto sociale si rafforza ad ogni incontro e la sola partecipazione, anche se non produce frutti immediati, fa meditare e fa pensare al professionista alla propria cultura e alla propria operatività. La partecipazione alla formazione non è’ tempo sprecato perche e sempre produttivo di valori.

    Mario Muscara’ù

  2. Mario Muscara' ha detto:

    Nel commento ho dimenticato di complimentarmi con gli organizzatori della giornata sulla formazione della Diocesi di Platien e non di Piazza perche’ nel decreto di erezione del 3 luglio 1817 non risulta Armerina. Il toponimo ” Armerina” e’ improprio e non attinente alle armi perche tali strumenti non sono mai stati nella pacifica città’. La storia di Platia non ha mai descritto battaglie e campi di battaglia nella città’ della pace nella quale i poteri demaniali, ecclesiasti e baronali hanno sempre operato con serenita.
    Queste notizie sulla toponomastica sono del tutto incidentali e non devono sottovalutare la necessaria è importante formazione continua anche per i giornalisti. Comunque complimenti ancora agli organizzatori.
    Mario Muscara’
    Il primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »