Category Archives: Caritas

2° Incontro di Operatori Caritas

Si svolgerà il 17 novembre il 2° incontro formativo per operatori Caritas della Diocesi, che avrà per tema “La speranza dei poveri non resterà delusa”.

L’evento,  si svolgerà presso la sede dell’associazione “Il sorriso” di Barrafranca all’interno dell’Istituto delle Orsoline, avrà inizio con il pranzo, alle 12, per gli ospiti della Casa Famiglia “Il sorriso”, servito dallo stesso vescovo mons. Rosario Gisana e dai diaconi. Alla giornata, che è rivolta anche a tutti coloro che operano nel mondo del volontariato, relazionerà padre Vittorio Bonfanti della Congregazione dei Missionari d’Africa. La giornata si concluderà alle 18 con la celebrazione della Messa presieduta dal vescovo nella chiesa del Sacro Cuore.

Servizio Civile 2018

Il 20 agosto 2018 il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha emanato un Bando nazionale volontari per la selezione di 28.967 giovani da impiegare in progetti di servizio civile in Italia e all’estero.
Caritas Italiana vede finanziati 199 progetti in Italia, per un totale di 1.398 posti, e 6 progetti all’estero per 42 posti. La scadenza per le domande da parte dei giovani è il 28 settembre 2018. Tutte le informazioni tecniche sul Bando sono disponibili sul sito del Servizio Civile Nazionale.

“Bussate  e vi sarà aperto”  è il titolo del progetto che troverà attuazione presso la sede della CARITAS DIOCESANA DI PIAZZA ARMERINA. Prevede il reclutamento di n. 4 volontari . Il settore d’intervento è relativo all’Area ASSESTENZA-DISAGIO ADULTO.

Le domande vanno presentate direttamente all’Ente proponente il progetto, in questo caso alla Caritas Diocesana che propone il progetto. Possono essere presentate a mano entro le ore 18.00 del 28 settembre, oppure possono essere inviate a mezzo posta con raccomandata A/R o con PEC (Posta Elettronica Certificata, intestata a chi presenta la domanda), tramite compilazione dell’Allegato 3 (.pdf e .doc), dell’Allegato 4 (.pdf e .doc) e dell’Allegato 5 (.pdf e .doc), entro il 28 settembre 2018.
e domande trasmesse con modalità diverse da quelle indicate non saranno prese in considerazione. In particolare, non saranno accolte le domande inviate via e-mail o via fax. Le domande inviate all’indirizzo PEC saranno accettate solo se provenienti da un indirizzo PEC intestato all’aspirante volontario. Si invita, infine, a verificare che la propria PEC sia abilitata all’invio nei confronti di soggetti priivati e non solo nei confronti della Pubblica Amministrazione (come ad esempio nel caso di PEC con dominio .gov).
Possono presentare domanda coloro che si trovano in una delle seguenti condizioni:
cittadino italiano
cittadino degli altri paesi dell’Unione europea;
cittadino non comunitario regolarmente soggiornante in Italia.
Per partecipare al Bando occorre:
aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni + 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata;
Qualora si intenda partecipare alla riserva di posti destinata ai giovani FAMI, prevista per alcuni progetti da realizzarsi in Italia, occorre anche essere titolare di protezione internazionale (ossia rivestire lo status di rifugiato o essere titolare di protezione sussidiaria) o di protezione umanitaria; tali condizioni sono attestate dal permesso di soggiorno in formato elettronico rilasciato dalla Questura competente per territorio.

Insieme alla domanda bisogna presentare copia del documento di identità in corso di validità.
Come si accede ai progetti di servizio civile della Caritas Italiana…
Non è possibile presentare domanda per più di un progetto, pena l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti a cui si riferisce il bando.
Non possono presentare domanda i giovani che:
a) abbiano già prestato o stiano prestando servizio civile nazionale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista;
b) abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Non costituiscono cause ostative alla presentazione della domanda di servizio civile:

aver interrotto il servizio civile nazionale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente originato da segnalazione dei volontari;
aver già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani” e nell’ambito del progetto sperimentale europeo International Volunteering Opportunities for All.
Non possono partecipare alla selezione gli appartenenti ai corpi militari e alle forze di polizia.

Suddivisi per regione ecclesiastica, si possono leggere i testi dei progetti di servizio civile in Italia (in formato pdf compressi con winrar), proposti dalle singole Caritas diocesane

Programmazione annuale della Caritas

In una lettera del Vescovo le indicazioni

In una lettera inviata ai presbiteri, ai diaconi e agli operatori Caritas, il Vescovo mons. Rosario Gisana presenta i tre margini in cui la Diocesi tutta è chiamata ad impegnarsi, affinché “la carità possa esprimere la concretezza dell’amore evangelico”. Si tratta dell’assistenza della dimensione caritativa, della collaborazione con alcuni ambiti della Pastorale diocesana.

Nel documento presentati anche i tre momenti formativi:

  • 16 settembre a Niscemi nel ventesimo anniversario della morte di Madre Tersa di Calcutta
  • 19 novembre a Gela  in occasione della Giornata internazionale della Carità
  • 29 aprile 2018 a Enna per la Giornata diocesana delle associazioni caritative.

Online Il nuovo sito web della Caritas diocesana

Pubblicato (lunedì 13 marzo 2017) il nuovo sito ufficiale della Caritas della Diocesi piazzese www.caritaspiazza.it. Il sito è stato attivato e messo on line da Giuseppe Nicolosi del Servizio informatico della Diocesi di Piazza Armerina . I contenuti e quindi gli aggiornamenti invece sono gestiti dall’ufficio Caritas diocesano nella persona del diacono Pietro Valenti.  “Dopo tanto tempo  finalmente  si  ricomincia con un sito tutto nuovo – dichiara Valenti – attraverso questo strumento vi diremo  quello che è la Caritas e quello che fa. Speriamo di potervi raggiungere tutti e mettere al vostro servizio uno strumento che ci consenta di aggiornarvi in tempo reale sui progetti, e le iniziative che tutti insieme come comunità diocesana stiamo cercando di realizzare. Lo stile è quello della Caritas, organismo pastorale, con prevalente funzione pedagogica. Conclude il diacono – vedremo e capiremo insieme aiutati dal nostro direttore, il vescovo mons. Rosario,  e i suoi diaconi che assieme sono al servizio di questa realtà che vuole mettere al primo posto gli ultimi e i poveri, vera ricchezza della nostra Chiesa.

14 gennaio: Incontro operatori Caritas Parrocchiali

Condivisione e solidarietà il tema della formazione degli operatori Caritas

“Condivisione e solidarietà” sono le parole chiave che il vescovo desidera si approfondiascano nel cammino di formazione degli operatori delle Caritas parrocchialiche la Caritas diocesana ha sempre espletato e assicurato. Due gli appuntamenti già programmati:
Sabato 14 gennaio ore 16.30 presso il salone Caritas di salita Sant’Anna a Piazza Armerina sul tema  “La presenza delle Caritas parrocchiali sul territorio: quale incidenza”
Sabato 29 aprile ore 17, presso il salone Caritas in salita Sant’Anna a Piazza Armerina  sul tema “le opere della carità tra assistenzialismo e misericordia. Il valore della giustizia per un azione caritativa solidale”.
I due incontri saranno guidati dal direttore regionale della Caritas siciliana don Enzo Cosentino.

Lettera del Vescovo ai Presbiteri e agli operatori della carità

Con l’anno pastorale 2016-2017, la Caritas diocesana si è arricchita della presenza dei Diaconi permanenti. Dopo un congruo discernimento, si è ritenuto opportuno che questo delicato ambito della vita pastorale venisse affidato all’impegno solerte dei daconi, giacchè esso equivale effettivamente ad una precisa risposta vocazionale…

  Lettera-ai-Presbiteri-e-agli-operatori-della-carità.pdf

Translate »