Category Archives: Post

Messaggio del Vescovo alle Confraternite

Il Vescovo di Piazza Armerina invia un video-messaggio ale Confraternite che operano nella Diocesi di Piazza Armerina.

 

 

 

 

CEI- Suggerimenti per la celebrazione dei sacramenti in tempo di emergenza Covid-19.

La Segreteria generale della Conferenza Episcopale Italiana ha diffuso dei suggerimenti per la celebrazione dei sacramenti in tempo di emergenza Covid-19.
I suggerimenti proposti, dalla Conferenza Episcopale Italiana, si armonizzano con la tradizione della Chiesa per cui, se non sussistono le condizioni per poter amministrare il sacramento, supplet Ecclesia, affidandosi al votum sacramenti, come del resto il “battesimo di desiderio” insegna. Lo scopo della nota, diretta ai sacerdoti impegnati nel servizio pastorale al di fuori dei presidi ospedalieri e degli istituti di ricovero e cura, è duplice: assicurare ai fedeli che ricevono i sacramenti una adeguata protezione dal possibile contagio virale; prevenire una eventuale infezione del ministro del sacramento. Inoltre i suggerimenti vogliono essere un aiuto pratico per vivere il ministero ordinato con opportuno zelo nel servizio ai fedeli e con senso di responsabilità verso di loro e verso se stessi, nella certezza di compiere i gesti sacramentali nelle modalità rituali che le circostanze straordinarie consentono.
Sono da considerare inoltre
‒ le direttive pastorali, ai sensi del diritto canonico, emanate dai singoli Ordinari diocesani, che prevedono limitazioni nella celebrazione dei sacramenti nelle chiese aperte ai fedeli e tengono conto dei decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri e delle norme regionali e locali promulgate dalle autorità civili;

Nella nota vengono date indicazioni per :

  • Celebrazione della S. Messa senza concorso di popolo
  •  Amministrazione del Battesimo
  • Amministrazione del sacramento della Riconciliazione
  • Il Viatico al capezzale del morente
  • L’Unzione degli infermi
  • Visite domiciliari agli infermi (in caso di cogente necessità) 

    La nota della CEI Sacramenti-in-tempo-demergenza.docx

 

“La distanza è unità” Lettera alla Diocesi n. 4 – 2020

“Vi chiedo di non demordere, di non abbandonare il campo, di non lasciarvi prendere dallo sconforto e da quel senso di disorientamento che, in maniera subdola, è accovacciato alla porta – con queste parole mons. Gisana scrive una nuova lettera alla comunità diocesana. Ai presbiteri, ai diaconi, ai consacrati, a tutti i fedeli.

Lettera-ai-presbiteri-4-2020-lettera-alla-Diocesi.pdf

 

 

 

Video messaggio e disposizioni del Vescovo riguardante l’emergenza Covid–19 il Vescovo del 9 marzo 2020

A seguito della nota della Conferenza Episcopale Italiana emanata nella giornata di domenica 8 marzo il Vescovo ha inviato una lettera ai fedeli di tutta la Diocesi. Nella lettera mons. Gisana oltre a dare le indicazioni da osservare  si dice “persuaso che Dio, «amante della vita» (Sap 11,26), ci libererà da ogni male, mentre ciascuno di noi, considerata l’emergenza, è chiamato ad essere solidale con il prossimo e fervente nell’affidarsi alla divina provvidenza. La nostra certezza si fonda su quanto ha proferito Gesù agli apostoli: «io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28,20).”

Lettera alla Diocesi 9 marzo 2020.pdf

 

 

 

 

EMERGENZA CORONAVIRUS: UNA LETTERA DEL VESCOVO CON LE NORME E LE INDICAZIONI DA OSSERVARE

Il Vescovo  mons. Rosario Gisana, dopo aver ascoltato i Vicari Foranei nella riunione di venerdì 6 marzo, tenendo conto delle determinazioni assunte dal
Governo, dalla Conferenza Episcopale Italiana e dalla Conferenza Episcopale Siciliana, ha disposto che fino al 3 aprile siano osservate le seguenti norme:

1. È possibile celebrare l’Eucaristia, sia feriale che festiva, come pure i momenti di preghiera che riguardano il tempo forte di Quaresima, evitando gli assembramenti e il raduno di folle. Ciò vale fino ad eventuali nuove disposizioni.
2. Chiedo ai parroci e a quanti sono impegnati nella vita pastorale di moderare con discrezione le attività ordinarie, considerando in dettaglio quanto è stato emesso dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020, in particolare dell’art. 1,1.b e dell’art. 2,1.b.
3. Si sospendono tutte le manifestazioni religiose (processioni, altari di S. Giuseppe ecc.), ove c’è concorso di popolo. In accordo con il parroco, possono essere differite a data da destinarsi, salvo disposizioni contrarie.
4. Le chiese rimangono regolarmente aperte per favorire la preghiera personale.
5. Per la celebrazione delle esequie è necessario essere prudenti, evitando le condoglianze dentro la chiesa.
6. Ai parroci e ai ministri straordinari della comunione chiedo di limitare le visite agli ammalati e agli anziani, tenendo sempre conto delle opportune misure igienico-sanitarie.
7. Si interrompono le attività di catechesi, riunioni di gruppi, movimenti, associazioni, oltre agli incontri diocesani di vicariato e parrocchiali, qualora comportassero un rilevante numero di persone.
8. Ribadisco quanto è stato in precedenza disposto, ovvero la sospensione dello scambio di pace con la stretta di mano, l’Eucaristia distribuita sulla mano, l’acqua lustrale rimossa dalle acquasantiere.

Nell’esprimere la mia vicinanza a coloro che, purtroppo, sono stati colpiti da questo virus, invoco la benedizione del Signore sui loro familiari, gli operatori sanitari, i responsabili della pubblica amministrazione e su quanti si stanno adoperando per trovare soluzioni adeguate

Piazza Armerina 6 marzo 2020                                                                                                             + Rosario Gisana

Il testo della Lettera del Vescovo lettera-ai-presbiteri-2-2020.pdf

INTENZIONE DI PREGHIERA PER GLI AMMALATI PARTICOLARMENTE PER COLORO CHE SONO STATI COLPITI DAL CORONAVIRUS

Signore Gesù,
ti preghiamo per tutti gli ammalati,
particolarmente per coloro che
sono colpiti dal coronavirus.
O medico delle anime,
fa’ che non ci lasciamo travolgere
da facili paure e sospetti sterili
ma, con paziente responsabilità,
possiamo affrontare con coraggio e speranza questo nuovo pericolo,
certi che Tu non ci abbandoni.
Infondi il tuo Santo Spirito ai ricercatori, sostieni i medici,
proteggi coloro che assistono gli ammalati, consola le famiglie che hanno perso i loro cari.
Liberaci, o Signore,
da ogni pericolo dell’anima e del corpo,
ascolta il turbamento dei tuoi figli
sorretti dall’intercessione di Maria, tua e nostra madre.
Amen.

(Da inserire come conclusione della Preghiera dei fedeli o per la preghiera personale)

Statuto del Gruppo di Coordinamento Pastorale Cittadino

Il consiglio dei Vicari Foranei, ha approntato e approvato lo Statuto del Gruppo di Coordinamento Pastorale Cittadino, che sarà istituito in tutti i Vicariati. Sarà il Vescovo a presenziare in ogni comune della Diocesi l’insediamento dei Gruppi di coordinamento istituiti allo scopo di favorire la comunione tra le parrocchie: presbiteri, diaconi, consacrati e fedeli laici, per promuovere una più efficace azione pastorale.
In questa prima fase, i gruppi di Coordinamento cittadino saranno invitati anche a dare suggerimenti sulle modalità di svolgimento della prossima Visita Pastorale del vescovo che si avvierà nel mese di ottobre.

Lo Statuto

Corso di Aggiornamento IRC alla prima quindicina del mese di maggio

La situazione influenzale del Coronavirus, in sintonia alle indicazioni di prudenza sanitaria nazionale, espresse anche dalla Cei e Cesi, di comune accordo con il nostro Vescovo e il Professore relatore del Corso, si ritiene opportuno spostare il secondo modulo (6 e 7 marzo) del Corso di Aggiornamento degli insegnanti di religione alla prima quindicina del mese di maggio.
Il tutto risponde anche alla richiesta di molti insegnanti interessati. Si rimane in attesa delle sintesi dei vari laboratori, da inviare al più presto a questo ufficio.
Vi saluto nel Signore anche a nome dell’ équipe IRC, augurando Buona Quaresima.
Il Direttore – Don Ettore Bartolotta

Ufficio-IRC-Diocesi-di-Piazza-Armerina-Corso-di-Aggiornamento.pdf

Indicazioni per le comunità ecclesiali riguardo l’emergenza Coronavirus e intenzione di preghiera

In linea con le disposizioni emanate dalla Conferenza Episcopale Siciliana a proposito della possibile diffusione del contagio da coronavirus, si consiglia ad attenersi, da oggi e fino a quando non verrà stabilito diversamente, alle seguenti indicazioni:

  • durante la celebrazione dell’Eucarestia, si sospenda lo scambio del segno di pace, oppure si sostituisca la stretta di mano con un semplice inchino;
  • la Comunione sia distribuita sulla mano dei fedeli e non direttamente in bocca;
  • i sacerdoti non rinuncino a mettersi a disposizione per celebrare il Sacramento dellaRiconciliazione;
  • venga rimossa l’acqua lustrale dalle acquasantiere delle chiese;
  • purificare bene i vasi sacri;
  • sensibilizzare i ministri straordinari ad attenersi scrupolosamente alle forme igienico – sanitarie;
  • tenere pulite l’aula liturgica e i diversi locali di ministero pastorale

La Curia si premurerà di fornire tempestivamente eventuali ulteriori indicazioni.

Non manchi, infine, la nostra implorazione al Signore della vita perché ci liberi da questo male, conforti gli ammalati e sostenga quanti – operatori sanitari e ricercatori – sono impegnati nella lotta quotidiana per debellarlo.

Piazza Armerina 26 febbraio 2020                                                           Il vicario Generale
Mons. Antonino Rivoli

INTENZIONE DI PREGHIERA PER GLI AMMALATI PARTICOLARMENTE PER COLORO CHE SONO STATI COLPITI DAL CORONAVIRUS

Signore Gesù,
ti preghiamo per tutti gli ammalati,
particolarmente per coloro che
sono colpiti dal coronavirus.
O medico delle anime,
fa’ che non ci lasciamo travolgere
da facili paure e sospetti sterili
ma, con paziente responsabilità,
possiamo affrontare con coraggio e speranza questo nuovo pericolo,
certi che Tu non ci abbandoni.
Infondi il tuo Santo Spirito ai ricercatori, sostieni i medici,
proteggi coloro che assistono gli ammalati, consola le famiglie che hanno perso i loro cari.
Liberaci, o Signore,
da ogni pericolo dell’anima e del corpo,
ascolta il turbamento dei tuoi figli
sorretti dall’intercessione di Maria, tua e nostra madre.
Amen.

(Da inserire come conclusione della Preghiera dei fedeli o per la preghiera personale)

 

La sinodalità nella Chiesa

Un cammino di dialogo tra Clero e Laicato

La sinodalità nella Chiesa è un processo importante che permette di capire quello che il Signore desidera da una comunità. L’ascolto, il discernimento, il consenso costituiscono alcuni aspetti di questo cammino che mette in dialogo clero e fedeli laici. Non è possibile svolgere iniziative pastorali significative, in grado di testimoniare il vangelo di fronte al mondo, senza ascoltare i fedeli laici, poiché, in virtù del battesimo, essi hanno in comune con il clero la medesima ispirazione dello Spirito. Gli organismi di partecipazione rispondono a quest’esigenza. Occorre però ravvivarli e soprattutto credere nella loro efficienza per la comunione ecclesiale. Perché questo accada, è necessario creare la giusta condizione per attuare, attraverso l’ascolto vicendevole, quel discernimento che nasce dal rispetto e dalla discrezione. Esso aiuta a confermarsi in ciò che lo Spirito suggerisce ad una Chiesa. È una verità ecclesiale essenziale: nella Chiesa se non si cammina assieme, si rischia di cadere nell’individualismo che non soltanto sopprime la comunione fraterna, ma illude altresì sull’autenticità della vita ecclesiale. La sinodalità è uno stile che le nostre comunità devono recuperare nello svolgimento delle attività pastorali: un cammino (su,nodoj) da fare sempre e unicamente assieme. Esso non è un evento: non può esserlo, ma un modo di vivere nella Chiesa, di essere Chiesa, ove la fraternità e sororità rappresentano lo spazio di una comunione che nell’ascolto, al di là delle differenze e dei ruoli, trova lo strumento giusto per incontrarsi e realizzare la sinfonia dello Spirito…

  La sinoldalità nella Chiesa.pdf

 

La relazione del Vescovo al II Convegno diocesano della Pastorale della salute

Consolati da Cristo per essere noi stessi consolazione degli afflitti

Ha avuto luogo lo scorso 15 febbraio a Piazza Armerina il II Convegno diocesano della Pastorale della salute, organizzato in sinergia dagli uffici della Pastorale della salute, liturgico e della Famiglia. Il convegno si è svolto nella chiesa di sant’Antonio a Piazza Armerina. Dopo i saluti della dott.ssa Giuseppina Lo Manto, direttore dell’ufficio della Pastorale della salute, sono intervenuti, mons. Rosario Gisana; don Carmine Arice, Padre generale della Piccola Casa della divina Provvidenza (Cottolengo); don Pasqualino di Dio, direttore dell’ufficio Liturgico e don Giacinto magro direttore dell’Ufficio della pastorale della famiglia.

La relazione del Vescovo Consolati-da-Cristo-relazione-convegno-Piazza-Armerina-15-febbraio-2020.pdf

 

Translate »